Trekking

Civita di Bagnoregio e la Valle dei Calanchi

Distanza: 7 Km
Tempo di percorrenza: 4 ore (andata e ritorno)
quota massima: 443 m
dislivello: 350 m
difficoltà: media
segnaletica: assente
punto di partenza: Ischia di Castro (VT) località Ponte San Pietro

Civita di Bagnoregio è ormai tristemente famosa come “La Città che Muore” questa nomea gli viene dalla precaria situazione geologica che ne caratterizza la struttura su cui poggia. Durante l’uscita didattica impareremo a conoscere la geologia di un’area di confine tra la valle del Tevere e l’area vulcanica del nord del Lazio. Per millenni Civita ha rappresentato un importante punto di snodo negli scambi tra il Lago di Bolsena, le principali città dell’Etruria meridionale e il fiume Tevere su cui navigavano le navi dirette al mar Tirreno. Riconosceremo le tracce dei popoli che hanno segnato la storia del luogo come gli Etruschi, i Romani, i Longobardi e ammireremo la valle dei calanchi, ricca di sculture naturali modellate dal vento e dalla pioggia che colpiscono i depositi alluvionali del Tevere.

NOTE: gli itinerari non presentano particolari difficoltà ma sono da affrontare con prudenza a causa dell’instabilità del fondo.
Bagnoregio è raggiungibile dall’autostrada A1 uscendo ad Orvieto, seguendo poi le indicazioni per Lubriano e Bagnoregio; da Viterbo (28 Km)per la S.P. Teverina poi per la SP Bagnorese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *